DEMETRIO DI GRADO

Nato a Palermo nel 1976, dopo un trascorso nella cultura Hip Hop dal 1994 al 2000, rimane affascinato dall’arte e in particolar modo dalla pittura. Nel 2012 ha fondato ManSourcing, l’associazione che ha dato inizio al suo progetto artistico: la promozione dell’arte in tutte le sue declinazioni possibili. É iniziato così un percorso ricco di collaborazioni con numerosi artisti della scena nazionale ed internazionale, che ha coinvolto in mostre, progetti di street art e festival.

Nel 2016 ha rivoluzionato la sua idea di fare arte. Da sempre affascinato dalla tecnica dei collage, ha iniziato a tagliare, incollare, assemblare immagini e suggestioni. Fermando sulla carta i suoi sogni e i suoi pensieri in un viaggio intimo tra la coscienza e l’istinto.

I suoi collage sono nati così. Dal desiderio di esprimersi attraverso immagini evocative di un periodo storico ormai lontano ma dense di poesia e nostalgia. Ritagli di riviste pubblicate tra gli anni ’20 e gli anni ’50, che cerca con piglio da archeologo.

Le scene che rappresenta nei suoi lavori rievocano gli anni della guerra ma anche quelli  della rinascita. La figura sempre al centro. Volti densi di sofferenza ma anche di un’estrema voglia di vivere e di riscattarsi. Uomini, donne, bambini, ognuno di loro reca un messaggio, scorre nel tempo fino a raggiungere il nostro contraddittorio presente.

E infine una frase sugli occhi a chiudere il senso, a lanciare una provocazione, a proporre una riflessione. Occhi che parlano. La sua firma.

Così definisce il suo lavoro. Un collage anche questo. L’assemblaggio di epoche, in un periodo storico in cui il digitale è sempre più veloce e la frenesia divora, l’analogico diventa per lui un’esigenza per fermarsi, nei suoi ritagli di tempo.